Posted on Lascia un commento

Fashion Beast… A bocca aperta

Non succede nulla.
Tutto rimane sospeso, anche la presentazione dei protagonisti rimane sospesa.

È semplicemente incredibile.

Fashion Beast CoverQueste sono le prime frasi che mi sono venute in mente dopo aver concluso la lettura del primo numero di Fashion Beast. Un capolavoro scritto dal miglior Alan Moore anni ’80, rivisitato da Malcolm McLaren e Antony Johnston… ma con la benedizione e la completa approvazione del primo!
Da questo primo volume si intuisce il richiamo alla più celebre fiaba La Bella e la Bestia, in cui i protagonisti sono un travestito (la Bella) e uno stilista di moda sfigurato (la Bestia). O almeno così si suppone.

È surreale e bizzarro, lascia turbati e allo stesso tempo attoniti.
Chiusa la quarta di copertina ho provato quasi disagio per l’antinomia nata dentro di me:  una parte di me storcere il naso chiedendosi “Tutto qui?” e contemporaneamente il mio Io (o forse meglio il mio Es) esaltarsi e gridare “Fantastico!”.

Come sopra accennato, non posso raccontarvi molto, perché non c’è molto da raccontare.
È forse un giallo, una storia d’amore? O forse un horror? Tutto si deve ancora rivelare.
Sicuramente è un capolavoro. … Almeno per me!

Difficilmente mi sono ritrovata a parlare con tale entusiasmo di un’opera. Ma qui è inevitabile.
I dialoghi sono avvincenti e donano ritmo e interesse a questo tutto/niente.
I disegni sono pura magnificienza, non si possono definire altrimenti: i colori, la luce, la tecnica di questo artista cooperano in modo eccellente allo svolgimento della narrazione.
Come spiegare per una come me che a livello tecnico non sa nulla di disegno?
Ogni personaggio prende vita dalla cura che l’artista mette nel più piccolo dettaglio, assume un carattere e dona indizi che il testo non dà. L’originalità di ogni protagonista è peculiare, sono tutti unici e acuiscono ancor di più la suspance per l’intrigo narrato…. Facundo Percio è “praticamente perfetto sotto ogni aspetto“, insomma.

Beh, se non vi ho convinto a provare… Allora non so dove altro possiate trovare altrettanta qualità!

L’Annina

Questo slideshow richiede JavaScript.